HomeContorni e dintorni Chips di cavolo riccio

Chips di cavolo riccio

Posted in : Contorni e dintorni, Piatti Fast, Vegghy con Vanny on by : vanny_admin Tag:, , , ,

Chips di cavolo riccio (vegan)

Chips di cavolo riccio

Il cavolo riccio è un parente prossimo del cavolo nero e quindi ne condivide tutte le proprietà e anzi c’è chi sostiene che sia anche meglio. Il cavolo nero è tipico della Toscana ed è più conosciuto mentre il cavolo riccio è presente in Puglia e ha quasi rischiato di scomparire perchè veniva un po’ snobbato a favore del cugino toscano. Per me è buonissimo….non vi rimane che proverli tutti e due!

Chips di cavolo riccio

TEMPI: Preparazione 10 minuti – Cottura 15 minuti

Ingredienti:

  • 1 mazzo di cavolo riccio

    Chips di cavolo riccio in versione hot!

  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 cucchiaio di salsa di soia
  • sale marino integrale
  • pepe nero macinato al momento
  • peperoncino jalapeno in polvere
  • paprika forte

Chips di cavolo riccio

Procedimento:

  • Lavare il cavolo riccio e pulire le foglie eliminando la filamento centrale più duro poi asciugare accuratamente le foglie
  • Mettere il cavolo riccio in una ciotola capiente, condire con l’olio evo, la salsa di soia, il sale e il pepe nero macinato al momento (Se volete la versione hot aggiungere anche il peperoncino in polvere e la paprika forte) e mescolare bene
  • Preriscaldare il forno a 180° (io ho usato la funzione ventilato)
  • Ricoprire una placca da forno con carta forno e disporre le foglie di cavolo ricio cercando di non sovrapporle.
  • Infornare per 15 minuti e assaggiare che siano belle croccanti. La prima volta che le fate vi consiglio di rimanere nei paraggi del forno per controllare i tempi di cottura….potrebbero bruciarsi facilmente
  • Servire belle calde e croccanti!

 

Buon Appetito!

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Facebook